Carburanti alternativi e bus green: l’impegno di Pisa in Europa

Carburanti alternativi e bus green: l’impegno di Pisa in Europa

 

Sempre più spesso, in tutta l’Unione Europea e ovviamente anche in Italia, si discute su come migliorare la qualità dei carburanti utilizzati dai normali veicoli, ma anche da trucks e autobus, seguendo l’esempio di Paesi che hanno già avviato un processo di riqualificazione di questo tipo.

Molte città e molte regioni italiane hanno già provveduto a stilare progetti concreti per aumentare la quantità di carburanti alternativi utilizzati, dunque a basso impatto ambientale e a più basse emissioni inquinanti, e come migliorare soprattutto la rete distributiva, fondamentale per ottenere un sistema più efficiente.

Adesso un nuovo esempio virtuoso di impegno in tal senso a livello europeo viene dalla città di Pisa: la cittadina toscana infatti è nella rosa delle 24 città europee che si sono impegnate, insieme alla Commissione europea, in un progetto di trasformazione radicale dell’utilizzo dei carburanti alternativi. Pisa ha accettato la sfida di mettere su strada entro il 2019 almeno 2mila nuovi autobus a ‘zero-emissioni’, ovvero alimentati da energia elettrica.

Pisa non è però l’unica città italiana presente nella rosa delle 24: a farle compagnia c’è infatti anche Milano insieme alla regione Friuli. Anche se si tratta di un progetto condiviso a livello europeo e anche se la stessa Ue ha più volte emanato direttive volte a migliorare la situazione dei carburanti alternativi e dell’inquinamento sul territorio Ue, non verrà messo a disposizione nessun nuovo finanziamento, anche se si parla di opportunità di investimento, magari da parte delle industrie produttrici.

Intanto però risulta essere sempre maggiore l’impegno italiano in direzione di un maggiore utilizzo di carburanti alternativi anche per i mezzi più pesanti, cosa che fa sicuramente ben sperare per il futuro.

green bus